Investitori XRP avviano una Class Action contro ripple.

Una causa legale collettiva è stata presentata a Ripple Labs e al suo CEO.

Il querelante sostiene che gli imputati hanno violato le leggi statali e federali sui titoli, impegnandosi in piani per aumentare in centinaia di milioni di dollari il valore, attraverso la vendita di gettoni a catena non registrati (XRP).

“Da allora i convenuti hanno guadagnato enormi profitti vendendo tranquillamente questo XRP al pubblico in generale, in quella che è essenzialmente un’infinita offerta di monete iniziali (” ICO “)”, sostiene l’accusa. “Al fine di aumentare la domanda di XRP, e quindi aumentare i profitti che possono derivare vendendo XRP, Ripple Labs ha costantemente interpretato XRP come un buon investimento, trasmesso previsioni ottimistiche sui prezzi e confuso i clienti aziendali di Ripple Labs con l’uso di XRP.”

Ryan Coffey, che ha intentato la causa legale, afferma di aver acquistato 650 XRP il 6 gennaio 2018, quando il token era scambiato a $ 2,60. Meno di due settimane dopo, il 18 gennaio, ha venduto l’intera partecipazione per $ 1.105 in USDT (un token pegging in USD creato da Tether ), ottenendo una perdita netta di $ 551 – o del 32% – a causa delle fluttuazioni dei prezzi tra USD e USDT.

Il caso intentato presso la corte superiore dello stato della California, è stato portato per conto di tutti gli investitori XRP che hanno acquistato token dopo il 1 gennaio 2013.

Coffey sostiene che “gli imputati commercializzano XRP per guidare la domanda e aumentare il [suo] prezzo”, incluse “sfocature” tra le soluzioni Enterprise di Ripple Labs e XRP. “Altre tattiche ancora includerebbero l’offerta di tangenti agli scambi Coinbase e Gemini per elencare XRP …”

“Queste ICO sono diventate una calamità per pratiche e frodi senza scrupoli”, ha concluso Coffrey.

Tuttavia, i dirigenti di Ripple hanno a lungo sostenuto che XRP è esente da questa classificazione e la società afferma inoltre che non è stata ancora notificata la causa.

“Abbiamo visto il tweet dell’avvocato su una causa intentata di recente ma che non è stata notificata. Come ogni procedimento civile, valuteremo il merito o la mancanza di merito per le accuse al momento opportuno “, ha dichiarato Tom Channick, capo delle comunicazioni di Ripple, in una dichiarazione. “Se XRP è o meno un Security Token, sarà decisione della SEC. Continuiamo a credere che XRP non debba essere classificato come un Security Token “.

“Queste ICO sono diventate una calamità per pratiche e frodi senza scrupoli”, ha concluso Coffrey.

Tuttavia, i dirigenti di Ripple hanno a lungo sostenuto che XRP è esente da questa classificazione e la società afferma inoltre che non è stata ancora notificata la causa.

“Abbiamo visto il tweet dell’avvocato su una causa intentata di recente ma  non ancora notificata. Come ogni procedimento civile, valuteremo il merito o la mancanza di merito per le accuse al momento opportuno “, ha dichiarato Tom Channick, capo delle comunicazioni di Ripple, in una dichiarazione. “Se XRP è o meno un Security Token, sarà decisione della SEC. Continuiamo a credere che XRP non debba essere classificato come un Security Token “.

A questo Link il documento di Ryan Coffey presentato presso la corte superiore dello stato della California.

Andrea Belvedere

Ricercatore e consulente indipendente, interessato a Blockchain / DAG.

Condividi l'articolo con:
Andrea Belvedere

Andrea Belvedere

Ricercatore e consulente indipendente, interessato a Blockchain / DAG.