Come funziona il consenso in XRP ?

Come impedire la POW e che cosa sono gli UNL

Per qualificarsi come potenziale alternativa al modello di consenso sul modello di prova, qualsiasi nuova innovazione deve risolvere il problema della doppia spesa. Il problema della doppia spesa è  impedire digitalmente a una persona di inviare lo stesso pagamento più di una volta, ovvero impedire che la “doppia spesa” abbia lo stesso importo.

Prima di Bitcoin, questo problema era risolto con un’autorità centrale, solitamente una banca, che determinava se la persona avesse davvero abbastanza soldi nel proprio conto.

Bitcoin ha introdotto il concetto di decentralizzazione: avere un gruppo di computer distribuiti decide collettivamente se quella persona ha già speso i soldi e lo fa accettando una cronologia di tutte le transazioni fino a quel punto; dall’origine stessa del denaro a come ogni unità è stat spesa nel corso della sua storia. Questa storia è chiamata blockchain. La rete Bitcoin concorda su ciascuna unità storica – il blocco – risolvendo complessi problemi computazionali. Anche il computer che finisce per inviare correttamente un blocco viene ricompensato con Bitcoin facendo nascere cioè il concetto di “mining” per Bitcoin.

COME FUNZIONA XRP

XRP è diverso. Invece di molti computer in competizione tra loro per risolvere problemi computazionali, mette la transazione al voto. Se un numero sufficiente di validatori accetta che la transazione è valida, allora viene inserita nella cronologia del libro mastro e l’unità della cronologia, il libro mastro, viene chiusa.

XRP fa affidamento sul consenso dei validatori. Una volta creato un libro mastro, questo non può essere annullato; da qui il concetto di ‘liquidazione finale’

CHI GESTISCE I VALIDATORI

Ma a questo punto è lecito domandarsi:” ma chi sono i Validatori ” ?

Esiste un gruppo di validatori noti come trusted validator. Questi validatori attendibili formano l’ elenco di nodi univoci consigliati o UNL consigliati. Attualmente, i server sull’UNL  appartengono a Ripple.

La rete di Ripple è opt-in. Ogni partecipante sceglie direttamente o indirettamente la propria UNL. Nonostante questo, il solo fatto di avere un UNL raccomandato – con la maggior parte dei server elencati di Ripple – ha portato a critiche molto feroci.

DOMANDA: Se Ripple smette di funzionare o se Ripple si comporta in modo malevolo, i partecipanti possono cambiare i loro UNL per continuare a utilizzare la rete ?.

Sebbene questo punto rappresenti il seme della discordia,  a sfavore di ripple, in ottica di disintermediazione dell’intera rete, Ripple è impegnata a decentralizzare il registro XRP e ad abbandonare il controllo operativo. Questo approccio multifase lo fa, ma è intenzionalmente conservativo ed è stato concepito con un unico obiettivo in mente: assicurare l’affidabilità e la stabilità della rete durante il periodo di transizione verso un’architettura completamente decentralizzata e distribuita.

A questo Link un interessante approfondimento: https://ripple.com/dev-blog/decentralization-strategy-update/

QUALE FUTURO PER GLI UNL

L’obiettivo dello sforzo di decentralizzazione è di avere un alto grado di diversità sull’UNL raccomandata e di avere più di un UNL raccomandato. Il raggiungimento di questo obbiettivo è subordinato in ordine ad una serie di passaggi, tra i principali e piu’ significativi citiamo:

  1. Aggiungere nuovi validatori di terze parti. Per ogni convalidatore di due terzi, Ripple rimuoverà un validatore Ripple dall’elenco raccomandato.
  2. Alla fine, con l’ aumentare delle dimensioni della rete, Ripple incoraggerà altri ad eseguire siti di elenchi di validatori simili a vl.ripple.com .

Fonte: https://ripple.com/insights/continued-decentralization-xrp-ledger-consensus-protocol/

Ne riparliamo ancora ! Stay tuned.

Condividi l'articolo con: