La BCE mette in guardia sull’uso e sul potere delle Stablecoin

Share it in your socials. Thank you.

Una prospettiva di stabilità normativa e finanziaria sulle stablecoin globali

di Anton van der Kraaij

Le Stablecoin con il potenziale di portata globale (“stablecoin globali”) potrebbero aiutare ad affrontare la domanda dei consumatori non soddisfatta per servizi di pagamento che sono veloci, economici e facili da usare e che possono operare oltre confine. 

Tuttavia, mentre esiste davvero il potenziale per tali benefici, le stablecoin globali pongono anche sfide e rischi. Questo articolo si concentra sulla funzione di gestione patrimoniale delle stablecoin globali, valutandone le implicazioni normative e finanziarie. 

Cosa sono le Stablecoin – Cryptostartitalia – non solo Criptovalute

Le Stablecoin sono accordi complessi che comprendono molte funzioni interdipendenti ed entità legali. Stablecoins potrebbe aiutare ad affrontare la domanda dei consumatori non soddisfatta per i servizi di pagamento, ma un’analisi dettagliata dei loro ecosistemi complessi, caratteristiche individuali e funzioni specifiche è importante per comprendere le possibili implicazioni in termini di rischi e approcci regolamentari.

A seconda delle loro specifiche caratteristiche di progettazione, la funzione di gestione patrimoniale di stablecoin potrebbe essere coperta dalle normative esistenti in materia di moneta elettronica, banche o fondi di investimento. Tuttavia, le specificità tecnologiche, legali e operative delle stablecoin consentono anche opzioni di progettazione in base alle quali la funzione di gestione patrimoniale non sarebbe coperta dall’attuale quadro normativo.

Una questione chiave a tale riguardo è la questione se gli utenti finali abbiano un reclamo formale in merito alle attività a supporto della stablecoin.

Se un accordo sulle stablecoin raggiunge una scala globale, il suo malfunzionamento potrebbe comportare rischi per il sistema finanziario.La funzione di gestione patrimoniale di un accordo globale sulle stablecoin potrebbe essere sostanzialmente simile a un fondo del mercato monetario globale le cui azioni sono detenute da utenti al dettaglio.

Con stablecoin che promettono stabilità, tali clienti al dettaglio potrebbero ipotizzare che le loro disponibilità di monete siano sicure quanto i depositi bancari e che possano essere trasferite e spese con la stessa facilità e sicurezza. Tale percezione sottovaluterebbe i rischi che sono effettivamente coinvolti in un investimento in attività finanziarie con funzioni di pagamento e trasferimento collegate.

Un’improvvisa realizzazione di questi rischi potrebbe innescare conseguenze sistemiche, la cui gravità e il cui impatto dipenderebbero dalle dimensioni e dall’interconnessione del dispositivo di stabilizzazione in questione. Come mostra la simulazione in questo articolo, una stablecoin globale potrebbe, in determinate circostanze,

Per raccogliere i loro potenziali benefici senza compromettere la stabilità finanziaria, dobbiamo garantire che gli accordi sulle stablecoin non operino nel vuoto normativo.

Come mostra la nostra analisi, le vulnerabilità nella funzione di gestione patrimoniale potrebbero innescare una corsa su una stablecoin che potrebbe comportare rischi significativi per la stabilità finanziaria. Al fine di ridurre tali rischi, i promotori di stablecoin dovrebbero progettare il loro accordo in modo tale da conformarsi alle normative esistenti (come la direttiva EMD, la direttiva OICVM, la direttiva GEFIA o il regolamento sugli FCM).

How stable are the top stablecoins? A quantitative analysis

In alternativa, è necessario istituire un nuovo quadro normativo per far fronte ai rischi e garantire che la fiducia in tali accordi possa essere mantenuta anche in presenza di stress. Guardando oltre la funzione di gestione patrimoniale, la natura globale e complessa degli accordi sulle stablecoin significa che tale quadro deve essere (i) completo (cioè deve coprire le funzioni di gestione patrimoniale, pagamento e interfaccia cliente), (ii) olistico (es.

Puoi leggere l’intero documento QUI

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale