Dichiarazione ufficiale di BHB relativa alla proposta “HARD-FORK” SEGWIT2X

 

La rete BHB è un progetto di Ricerca e Sviluppo impegnato per il successo a lungo termine del protocollo Bitcoin, inteso come aperto, senza fiducia, indipendente, senza licenza.

Riteniamo che lo sforzo in corso verso la scalabilità di questo protocollo sia un problema molto importante, che deve essere affrontato in modo sicuro e responsabile , che non compromette la decentralizzazione e la natura resistente alla censura di Bitcoin . Riteniamo che tali principi non siano compatibili con il tentativo controverso di hard-fork denominato ” Segwit2X”.

Il 23 maggio 2017, il gruppo di valuta digitale ha pubblicato una dichiarazione che pubblica il cosiddetto “accordo di New York” ( https://medium.com/@DCGco/bitcoin-scaling-agreement-at-consensus-2017-133521fe9a77 ), una proposta firmata da 58 aziende per introdurre due modifiche al protocollo Bitcoin: una soft-fork per attivare l’aggiornamento Segregate Wit. e, 3 mesi dopo, un hard-fork per “aumentare la dimensione del blocco a 2MB” (questa espressione è in realtà incoerente con l’aumento graduale di blocchi già distribuito con l’aggiornamento SegWit).

Noi alla BHB Network abbiamo sostenuto l’attivazione di SegWit come un cambiamento positivo , studiato, discusso e testato esplicitamente e sfruttato in modo sicuro tramite una soft-fork con un supporto comunitario forte, attraverso BIP141 . Questo aggiornamento è stato attivato con successo nella seconda metà di agosto 2017.

L’aggiornamento di SegWit offre molti vantaggi, tra cui una soluzione al problema della funzionalità di transazione esterna, molto importante per lo sviluppo della tecnologia Lightning Network, che, a nostro avviso , è fondamentale per scalare Bitcoin attraverso transazioni off-chain affidabili. Questa tecnologia consente di scalare fino a milioni di transazioni al secondo, mentre il numero di transazioni disponibili in catena prima dell’attivazione di SegWit era appena sopra i 3 per secondo (il VISA solitamente sostiene circa 5.000 tps).

Secondo alcuni dei proponenti della cosiddetta “hard disk” di Segwit2X, un ulteriore aumento del blocco a 2M sarebbe strettamente necessario , tuttavia Allo stato attuale, i blocchi spesso non sono pieni: alcuni di essi non raggiungono nemmeno la dimensione di 1 MB.

Accettazione da parte della comunità

Poiché un altro aumento di dimensioni di blocco non ha alcun senso tecnico (è molto vicino a quello precedente, non rappresenta ancora una soluzione di scalabilità a lungo termine, è costretto alla rete senza discussioni, studi, simulazioni e test), è stato sin dall’inizio, opposto da tutti gli sviluppatori attivi di Bitcoin.

https://en.bitcoin.it/wiki/Segwit_suppor t)

Inoltre, questo cambiamento “2MB” (denominazione errata e fuorviante) sarebbe stato dispiegato come un hard-fork .

“Segwit2X” , Non è ampiamente accettato, tutti gli sviluppatori attivi sono vocalmente contrari , molti sondaggi tra le comunità mostrano una forte opposizione da parte degli utenti e, grazie alle recenti iniziative di Bitfinex e Okex, abbiamo un segnale chiaro che non è sostenuto dalla maggioranza del mercato .

Assenza di protezione di replay

Un rigido contingente che divide la rete è sempre una cattiva idea, che indebolisce gli effetti complessivi di rete di Bitcoin, drenando importanti risorse scarse (potenza di hashing, mercato, sforzi di sviluppo) da esso. Detto questo, se qualcuno vuole veramente creare un altcoin dividendo la catena principale di Bitcoin, nessuno ha il diritto, o il potere, di fermarlo.

Ma anche tali tipi di clone di Bitcoin dovrebbero essere distribuiti in modo da ridurre al minimo i danni agli utenti esistenti. Un requisito minimo responsabile, al fine di evitare perdite di fondi, sarebbe l’implementazione sul clone di una forte e obbligatoria protezione bidirezionale di “replay attack” (cosa che la moneta di BCash ha fatto con successo, se solo all’ultimo momento). Non implementare una forte protezione di replay durante l’esecuzione di una divisione di catene creerebbe molta confusione, con diverse transazioni in corso contro la volontà del proprietario dei fondi. (https://themerkle.com/what-is-a-bitcoin-replay-attack/).

Al momento (20 ottobre), la squadra di ‘Segwit2X’ non ha fornito alcuna strategia di protezione di replay . Hanno cercato di implementare un meccanismo di opt-in, che tuttavia può avere effetti indesiderati, quindi hanno dovuto rimuoverlo ( http://www.trustnodes.com/2017/10/10/segwit2x-removes-opt-replay-protection ) .

Un approccio ancora più responsabile, per proteggere gli utenti e limitare inutili perdite finanziarie, consisterebbe nella creazione di un nuovo e distinto formato di indirizzi.

“Segwit2X” come “un compromesso”

Qualsiasi aumento di blocco, nonostante i possibili vantaggi di trasmissione, mostra un sacco di inconvenienti, ad esempio, che portano ad una maggiore centralizzazione , a causa dei tassi di orfani più alti, dei costi più elevati per mantenere validati i nodi completi, ai rischi più elevati delle partizioni di rete e gli attacchi ” . Un Bitcoin centralizzato perde le sue proprietà di resistenza alla censura, senza acquisire i vantaggi dei sistemi di pagamento centralizzati in concorrenza . Un blockchain centralizzata è infatti solo un database eccessivamente complesso e inefficiente.

Se uno volesse veramente avere SegWit e un ulteriore aumento di blocco, un approccio alternativo e più sicuro, sarebbe effettivamente il supporto per una maggioranza di soft-fork su BCash, evitando una seconda divisione nella rete principale di Bitcoin.

Chi controlla Bitcoin?

Attualmente (20 ottobre, source www.coin.dance), la stringa “NYA” è inclusa nelle transazioni di coin per circa l’85% del potere di hashing, anche se è stato pubblicizzato per avere il 95% o più (considerato come un requisito anche per un soft- hard chiaro).

La scrittura di acronimi all’interno delle transazioni monete ha un significato limitato : ad esempio, il CEO di F2Pool ha annunciato all’inizio di settembre che la sua piscina mineraria si oppone a “Segwit2X”. Tuttavia, F2Pool stava ancora segnalando “NYA”, e ha continuato a farlo fino al 12 ottobre 2017, quando si è fermato completamente. Le stringhe “NYA” sono attualmente in segno anche su blocchi estratti sulla catena BCash, che in teoria non avrebbe alcun senso, dal momento che BCash è emerso per evitare completamente SegWit.

Il più importante, i minatori non hanno il potere, il diritto o il ruolo di dettare come Bitcoin deve evolvere . Chiunque propone una modifica alle norme che disciplinano Bitcoin, specialmente se pretende di “aggiornarla”, ha l’onere di dimostrare che le modifiche proposte hanno il sostegno straordinario degli sviluppatori, degli utenti, dei minatori, delle imprese, dei mercati e dei titolari.

Lo stato attuale della proposta

Molte delle aziende che hanno inizialmente firmato l’accordo si sono recentemente ritirate, sottolineando che non esiste un consenso reale dietro questo hard-fork “Segwit2X”:

  • F2Pool (Cina)
  • Bitwala (Germania)
  • Vaultoro (Germania)
  • Wayniloans (Argentina)
  • BitOasis (Emirati Arabi Uniti)
  • Cryptofacilities (UK)
  • surBTC (Cile)

Molti altri, come il minatore Bitfury, hanno dichiarato di aver sempre interpretato e interpretato la proposta come un modo per evitare le catene di divisione e non si sentiranno impegnati a sostenere qualsiasi azione che possa effettivamente provocare un’altra e che supportano solo la catena che ha la maggioranza economica o è supportata dagli sviluppatori di Bitcoin Core.

Altre società si sono allontanate da Bitcoin, spostandosi a Bcash, quindi il loro sostegno dichiarato per l’accordo di New York non ha alcun significato rispetto a Bitcoin.

(Per un elenco aggiornato: http://segwit.party/nya/ )

conclusioni

Pensiamo che “Segwit2X” sia in realtà un tentativo di compiere una presa politica di Bitcoin.

Poiché non ha giustificazioni tecniche, ma solo motivi politici, e poiché è molto rischioso e non sicuro, non possiamo che opporci completamente al “Segwit2X” .

Invitiamo le aziende che ancora sostengono la NYA di ritirarsi . C’è ancora tempo per evitare divisioni pericolose e distruttive.

Consigliamo agli utenti di assicurarsi che siano in pieno controllo delle proprie chiavi private e di rimuovere i loro bitcoins da servizi di terze parti compromessi. (Per ulteriori dettagli, seguire i suggerimenti qui riportati: https : //bitcoin.org/en/alert/2017-10-09-segwit2x-safety ).

Condividi l'articolo con: