IBCO finanziamento crittografico, il nuovo modo per finanziario un progetto.

Ti è piaciuto l'articolo ? Condividilo nei tuoi social, 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇 Grazie !

IBCO finanziamento crittografico, può produrre risultati affidabili?

TLDR: IBCO finanziamento crittografico è la nuova formula per il finanziamento di progetti crittografici, che risolve i problemi principali delle ICO come la mancanza di responsabilità, mancanza di liquidità e meccanismi di scoperta dei prezzi imperfetti per il token stesso.

Ma cosa è andato storto esattamente con gli ICO?

Beh, molte cose … ma prima di tutto ammettiamolo, il finanziamento di progetti in fase iniziale è un’attività molto rischiosa. Le statistiche di VC dicono che anche al di fuori dello spazio crittografico, 9 startup su 10 falliscono, e questo è vero anche per le poche startup selezionate che arrivano persino ai finanziamenti VC dopo un esame. Se aggiungi alle statistiche le startup 4F (amici di famiglia e sprovveduti finanziatori), probabilmente raggiungerai il 95-99% di tasso di fallimento. Aspettarsi o fingere che per i progetti crittografici le cose dovrebbero funzionare in modo diverso … È semplicemente troppo ottimistico.

Ci sono rischi aggiuntivi o falsa sicurezza legati al modello di raccolta fondi ICO?

IBCO E ICO

Partiamo dalla falsa sicurezza: quando investi nell’equity di una startup tradizionale hai un grosso problema di illiquidità, trasformare la tua quota azionaria in contanti richiederà un evento di liquidità come un’uscita o un altro investitore disposto ad acquistare le tue azioni. Tali eventi sono rari e lontani nel tempo dal T0 del tuo investimento. Non esiste un mercato secondario per l’equità delle startup tradizionali … Ma ecco che arrivano le ICO. Possedere un utility token, non ti dà alcun diritto di proprietà o controllo sull’impresa ma ti espone a ciò che effettivamente interessa il 99,9% degli investitori: apprezzamento / deprezzamento dell’investimento. E non è tutto, hai un mercato liquido dove puoi vendere i tuoi token ogni volta che vuoi. Ma c’è il trucco, va tutto bene in teoria ma la liquidità sul mercato c’è davvero? O sono solo robot market maker che riempiono un book  ed eseguono wash trading? Quanto è profondo quel book se volevi davvero venderlo? Quanta pressione di vendita può assorbire quel mercato senza distruggere totalmente il prezzo del token?. Pochissimo in realtà …
Ma vediamolo attraversare la vita archetipica di una ICO o di una vendita pubblica:
1) Un team di brillanti imprenditori, sviluppatori e consulenti pubblica un fantastico white paper e, in casi molto rari, un MVP. 2) Il team conia un numero arbitrario di gettoni con un contratto ERC-20 e poi offre una% di quelli a prezzo fisso durante una vendita pubblica limitata nel tempo. 3) Se il progetto, il team, la presentazione e il market timing sono abbastanza buoni, il progetto raccoglierà una discreta quantità di criptovaluta da una folla di investitori di Utility Token.

Fin qui tutto bene, quindi cosa potrebbe andare storto?

Meccanica di scoperta del prezzo imperfetta: durante l’ICO il prezzo del token viene fissato arbitrariamente dai promotori del progetto, se gli investitori vogliono partecipare devono affrettarsi in un tempo limitato e acquistare a quel prezzo, nel frattempo – allo stesso modo ai promotori – avere il segnale 0 dal mercato per capire se il token è troppo caro o sottovalutato. Il momento della verità arriverà solo più tardi, con la quotazione simbolica in borsa, quando inizierà la scoperta del prezzo di mercato. Se, considerato il prezzo ICO del token, la capitalizzazione di mercato circolante e completamente diluita è abbastanza ragionevole – ed è la cosa difficile da sapere senza poter chiedere al mercato quanto è buono il tuo progetto – il tuo token non dovrebbe subire alcuno shock di prezzo .
E questo è vero in teoria …
Ma aggiungiamo una variabile: cosa succede se la liquidità del tuo mercato è così sottile da non poter sostenere anche una minima pressione di vendita?. Il problema della liquidità: supponiamo che tu abbia raccolto 5 Mln USD con una vendita pubblica, ora per ottenere il tuo token ERC-20 standard elencato in un CEX decente devi pagare 500k di commissioni, quanto investirai in liquidità? Poco, infatti i fondi che hai raccolto sono al sicuro nel tuo portafoglio, ed i fondi che invii in borsa per il market making sono esposti alle forze di mercato. E non lasciarti ingannare dalla speranza, la tua risorsa crittografica è una risorsa di coda proprio come il 99,9% dei token sul mercato.
IBCO finanziamento crittografico, può produrre risultati affidabili?

Ora diciamo che hai utilizzato il 20% di ciò che hai raccolto per fornire liquidità di market making, cosa succederebbe se il prezzo crollasse perché una grande parte degli investitori iniziali – AKA scontati (quelli cha hanno acquistato in sconto) – ha deciso di uscire? Prenderesti ancora 1 Mln USD dal tuo tesoro e lo daresti ai market maker per stabilizzare il prezzo, o risparmieresti quei soldi per sviluppare il progetto o perché no … per comprare una Lambo?

Capire IBCO: un altro meccanismo di finanziamento può produrre risultati affidabili ?

Azzardo morale Lambo: non so esattamente perché, ma sembra che la comunità crittografica ami Lambo, soprattutto se possono acquistare con crittografia che hanno ottenuto senza merito. Perché no? A volte la moralità è molto malleabile … Exempli gratia: come lo chef Nomi si è giustificato per aver incassato 13 Mln USD e fatto crollare il prezzo del suo token Sushiswap del 70% … Anche se poi ha cambiato idea…  ma questa è un’altra storia …

Se raccogli una discreta quantità di criptovaluta per un white paper e una bella grafica su una pagina web, perché non acquistare semplicemente un Lambo invece di provare almeno a consegnare il progetto per cui hai raccolto i soldi? Ovviamente questo è moralmente sbagliato. Tutto questo genererà anche conseguenze legali? Probabilmente no!. Questa mancanza di responsabilità rispetto all’equità tradizionale che crea un rischio aggiuntivo molto evidente per gli investitori ICO. Quindi, considerati tutti i problemi che emergono dai finanziamenti ICO, dovremmo abbandonarli totalmente? Assolutamente no! Vediamo come possiamo risolvere.

Era gennaio 2018, il culmine della bolla ICO, mentre tutti erano molto impegnati nel loro viaggio sulla luna, Vitalik Buterin uscì con un post succinto ma potente che evidenziava i rischi del finanziamento ICO e proponeva una nuova primitiva per la raccolta fondi: DAICO, ossia l’intersezione di un ICO con un DAO.

Il concept affronta il problema del “Lambo Morale Hazard, introducendo due principali novità nella classica struttura ICO: a) limitare la capacità del team di ritirare immediatamente tutta la liquidità creando una funzione tap che “veste” gradualmente il capitale raccolto B) consentire ai possessori di token di votare per decretare la liquidazione dei fondi raccolti nel caso in cui siano “molto insoddisfatti” di ciò che sta facendo la squadra.

Molto interessante, ma possiamo anche trovare un modo per affrontare i meccanismi di scoperta dei prezzi imperfetti e il problema di liquidità che affliggeva gli ICO?

Probabilmente non nel 2018,  ma nel frattempo è accaduto qualcosa di molto rilevante nello spazio crittografico che ha aperto la strada alla risoluzione di quei problemi: l’ascesa di scambi decentralizzati basati su curve di legame come Uniswap. Bonding Curve Decentralized Exchanges ha aperto una serie completamente nuova di opportunità per i progetti crittografici, interrompendo sostanzialmente le relazioni e la struttura di potere tra gli scambi centralizzati e i progetti crittografici. Ora grazie a Bonding Curve Dexes un progetto non deve chiedere l’elemosina e pagare commissioni enormi a uno scambio per essere quotato, può creare un mercato da solo fornendo il suo token + garanzia a un pool di curve di bonding.
Un progetto non deve nemmeno eseguire un ICO e quindi attendere di essere quotato, può eseguire direttamente la raccolta fondi creando un mercato su un DEX o implementando la propria curva di legame personalizzata. 
Tale tecnica di raccolta fondi è denominata IDO (Initial Dex Offering) o più in generale IBCO (Initial Bonding Curve Offering) finanziamento crittografico. Attualmente non esiste una struttura cristallizzata per gli IBCO finanziamento crittografico, ma tutto il progetto che abbraccia questa nuova forma di finanziamento implementa il proprio sapore speciale con: Hegic con una curva di bonding di solo acquisto lineare dove alla fine tutti i partecipanti pagano lo stesso prezzo, DIA protocollo MESA con gettoni pre-coniati, PERP che ha utilizzato il pool di bootstrap della liquidità di Balancer o Aavegotchi che utilizza Bancor Liquidity Protocol per coniare / bruciare e distribuire i token.
Concludendo, vediamo come i concetti delineati nel post DAICO combinati con i meccanismi di finanziamento IBCO potrebbero portare a una rivoluzione nella raccolta fondi, risolvendo i 3 problemi precedentemente menzionati delle ICO, rischi AKA per gli investitori compreso.

IBCO finanziamento crittografico meglio della ICO

Nel nostro archetipo IBCO finanziamento crittografico governato da DAO, risolverà la “meccanica difettosa della scoperta del prezzo” non pre-coniando i token che verranno venduti durante la raccolta fondi, ma quelli che verranno coniati e bruciati su una curva di legame utilizzando la formula Bancor. Se i partecipanti all’attività di finanziamento acquisteranno, i token verranno creati e il prezzo aumenterà, se i token verranno rivenduti alla curva di bonding, i token venduti verranno bruciati – diminuendo l’offerta – e il prezzo scenderà.

In questo modo non verranno fatte congetture informate sulla quantità di gettoni che dovrebbero essere creati e sul prezzo che dovrebbe essere offerto al pubblico. Il mercato deciderà immediatamente da solo quanti gettoni del progetto dovrebbero essere disponibili e a quale prezzo dovrebbero essere scambiati. Ovviamente gli IBCO, hanno un prezzo di partenza.

Tuttavia non dovremmo dimenticare che una tale scelta sul prezzo di partenza, avrà un impatto diretto sul numero di token generati, quindi la capitalizzazione di mercato verrà nuovamente assegnata dal mercato stesso, che decide.

Solo una quantità di garanzia pubblicamente nota e predeterminata – dei fondi raccolti – sarà consentita per il ritiro mensile, tutto il resto rimarrà nell’IBCO AMM per garantire liquidità ai contributori che potrebbero voler uscire dal loro investimento.
Il meccanismo TAP risolverebbe anche il “rischio morale Lambo”, poiché il team semplicemente non avrà alcuna possibilità di scappare con tutti i fondi raccolti, poiché i fondi raccolti rimangono nella curva bonding e sono sempre soggetti a prelievo da parte degli investitori che possono uscire semplicemente vendendo i token. Un incentivo molto forte per continuare a fornire!. Tutti i meccanismi appena descritti non sono solo una raccolta di idee astratte in attesa che qualcuno le realizzi, ci sono framework pronti all’uso per creare tali IBCO. Aragona è uno di quelli, dove con pochi click puoi creare il tuo IBCO governato DAO. E infine ci sono progetti reali che hanno visto le potenzialità di questo nuovo finanziamento primitivo, puoi trovare un esempio dal vivo con Aavegotchi che gestisce il suo IBCO da un mese a questa parte e OVR che lancerà il suo IBCO governato da DAO a fine novembre.
Articolo a cura di Diego Di Tommaso Senior Advisor PwC, MBA, OVR Co-Founder COO, originariamente pubblicato in lingua inglese, su https://hackernoon.com/ che puoi leggere nella sua versione integrale a questo Link
 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale
  
Ti è piaciuto l'articolo ? Condividilo nei tuoi social, 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇 Grazie !