Bitcoin sbarca a CUBA grazie a Qbita

Share it in your socials. Thank you.

“Ho creato Qbita Exchange perché sono sempre stato convinto che qui, a Cuba, Bitcoin sia una vera necessità”, parola di Mario Mazzola

A sentire il cognome, ho rispolverato i ricordi da bambino, il grande Sandro Mazzola centrocampista dell’Inter e della nazionale anni ‘70. La somiglianza del nome mi ha incuriosito a tal punto da voler approfondire l’argomento.

Nasce a Cuba il primo Exchange per cubani e non solo, che si chiama Qbita.

L’idea è dell’imprenditore Italo-Cubano, Mario Mazzola, che dice che a Cuba bitcoin è una vera necessità: “In particolare credo che Bitcoin serve per mitigare i problemi di esclusione finanziaria imposti dal blocco economico e commerciale degli USA “.

L’embrago esclude ancora i Cubani da molti servizi finanziari moderni, come Visa, Mastercard, AmericanExpress, PayPal, Skrill, Stripe o altri gateway di pagamento elettronici internazionali.

Qbita è lo sforzo operativo ed unico di Mario che ha sviluppato una intera gamma di prodotti, portafoglio Bitcoin, piattaforma di pagamenti e, scambio peer-to-peer in un unico ambiente: Qbita.

Uno sforzo multiplo, una sola piattaforma!

Qbita si inserisce in un quadro normativo inesistente e sebbene la criptovaluta a Cuba non è illegale, non esistono regole statali che lo censurino o ne limitino l’utilizzo.

Qbita si candida come player, in grado di occupare a tutto campo il mercato delle crypto e come primo concorrente di Fusyona un altro scambio di criptovaluta nata per iniziativa di una StartUp Brasiliana, già presente da qualche anno.

Vuoi vedere ? Vai qui https://qbita.org/

Ovviamente mi sono chiesto quanto sicuro possa essere questo servizio, ho cercato nel sito ed illuminate sono state le parole di Mario, che potete ascoltare qui


CONCLUSIONI

Certamente l’idea è interessante e credo che iniziative di questo tipo facciano solo che bene a tutto il mondo cryptografico, mi chiedo pero’ se per gli amici Cubani, bitcoin, che non posso scambiare per denaro e nemmeno spendere con le carte di credito, abbia il solo scopo di diventare denaro alternativo e o valore contro l’inflazione … O che altro ?

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale