hashrate Bitcoin pubblico sempre più USA


Hashrate bitcoin sta diventando pubblico

L’ Hashrate bitcoin sta diventando pubblico e sta battendo tutti i record e ora che le principali capacità minerarie sono state ritirate dalla Cina, è in atto una curiosa rivoluzione.

Secondo i risultati di un rapporto pubblicato da Arcane Research, l’hashrate bitcoin viene costantemente rilevato dalle società pubbliche statunitensi quotate nelle principali borse USA.

I dati attuali mostrano che la quota delle società minerarie quotate in borsa, nell’hashrate bitcoin oggi è di circa il 19%, ovvero il 3% in più rispetto a gennaio 2021.

L’hashrate più grande è stato catturato da: Hive Blockchain, Cleanspark, Riot Blockchain, Marathon Digital Holdings, Bitfarms e Hut 8 Mining, oltre a 26 società pubbliche impegnate nel mining.

Il pericolo di questa tendenza è che questa crescita continuerà fortemente fino a quando le grandi società americane non cattureranno la parte del leone dell’hashrate. Ciò è dovuto al fatto che il mondo sta vivendo una carenza di chip e la concorrenza per i nuovi ASIC ad alte prestazioni si sta intensificando.

Le aziende che competono per grandi forniture di ASIC devono disporre di enormi risorse per poter pagare in anticipo i grandi produttori dei nuovi ASIC più efficienti dal punto di vista energetico e ad alte prestazioni per molti mesi, congelando i fondi.

Questo è il motivo per cui la maggior parte delle società minerarie pubbliche si trova negli Stati Uniti e, poiché hanno un maggiore accesso al capitale, “possono espandere la propria capacità mineraria più velocemente della maggior parte delle società private in altre parti del mondo“.

Lo studio conclude che poiché queste aziende aumentano la capacità agricola più velocemente dell’intera rete, “è probabile che la quota statunitense e canadese dell’hash rate totale diventi dominante nel prossimo futuro”.

Bonanza Mine, ASIC Intel per il mining di Bitcoin

Secondo la documentazione, il nuovo Intel Bonanza Mine ASIC BMZ2 di seconda generazione offre prestazioni di 135 TH/s contro i 40 TH/s della prima generazione. Il consumo di energia non è indicato direttamente, ma c’è un altro indicatore: l’efficienza energetica. Sono 26 W/T. Apparentemente, si tratta di watt per terahesh, ma la fonte dice joule per terahesh al secondo. Comunque sia, secondo la tabella Intel, si può vedere che, secondo questo indicatore, il suo sistema bypassa Bitmain S19 Pro, poiché lo bypassa in termini di prestazioni.

Intel Bonanza Mine

Pertanto, l’elettricità più costosa negli Stati Uniti sarà compensata da chip più efficienti dal punto di vista energetico. E in pochissimo tempo, gli Stati Uniti potrebbero catturare fino all’80% dell’hashrate mondiale, il che può essere pericoloso viste le inclinazioni proibitive dei regolatori e dei legislatori americani.

Quando l’80% del mining era in Cina, c’erano molte volte meno minacce alla rete Bitcoin, ma solo perché tutte queste piscine erano private e indipendenti.

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale