Miners Bitcoin scaricano la più grande quantità di BTC da gennaio 2021


I miners spostano oltre $ 300 milioni di bitcoin

I dati della società di analisi blockchain CryptoQuant ha mostrato che i miner hanno spostato oltre $ 300 milioni di bitcoin pari a 14.000 BTC dai loro portafogli, in un solo periodo di 24 ore.

Nelle ultime settimane, i miner bitcoin hanno scaricato la maggior quantità di BTC da gennaio 2021 in un fenomeno che alcuni chiamano “capitolazione dei minatori”, in cui questi miner vendono le loro monete per coprire le spese correnti.

I minatori stanno lottando per prezzi bitcoin più bassi e costi energetici più elevati, che li costringono a vendere le loro partecipazioni in BTC. L’analista di Citi Joseph Ayoub ha scritto in una nota all’inizio di questo mese:

“Dato l’aumento dei costi dell’elettricità e il forte calo dei prezzi di bitcoin, il costo del mining di bitcoin potrebbe essere superiore al suo prezzo per alcuni minatori”.

Un recente rapporto di Coinbase ha rivelato che vari minatori sono passati dalla raccolta di capitale in capitale proprio alla raccolta utilizzando il debito, in parte attraverso prestiti garantiti dalle proprie attrezzature minerarie. Il valore di questo tipo di attrezzatura è diminuito, mettendo ulteriormente sotto pressione i minatori.

Il rapporto descrive in dettaglio che tra le prime 28 società minerarie pubbliche, che rappresentano il 20% dell’hashrate di Bitcoin, quest’anno sono stati venduti circa 13.000 BTC, pari al 19% delle loro riserve.

In totale, Coinbase ha notato che tutti i minatori di bitcoin detengono circa 800.000 BTC, il che significa che le partecipazioni dei minatori pubblici rappresentano il 6,8% del totale. Tuttavia, l’azienda ha stimato che anche se BTC fosse sceso a $ 10.000, avrebbero comunque riserve per durare circa 120 giorni, liquidando 16 BTC al giorno dalle loro riserve.

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale