L’Eurosistema lancia il progetto dell’euro digitale

Ti è piaciuto l'articolo ? Condividilo nei tuoi social, 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇 Grazie !

La Banca centrale europea (Bce) avanti su un progetto di euro digitale

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (Bce) ha deciso oggi di avviare la fase istruttoria di un progetto sull’euro digitale. A seguito della decisione, il presidente dell’Eurogruppo Paschal Donohoe si è unito alla riunione, si è congratulato con il Consiglio direttivo ed ha espresso il suo pieno sostegno al progetto.

“Sono passati nove mesi da quando abbiamo pubblicato il nostro rapporto sull’euro digitale. In quel periodo abbiamo svolto ulteriori analisi, chiesto spunti a cittadini e professionisti, e condotto alcune sperimentazioni, con risultati incoraggianti. Tutto ciò ci ha portato a decidere di cambiare marcia e avviare il progetto dell’euro digitale”, afferma la presidente della Bce Christine Lagarde. “Il nostro lavoro mira a garantire che nell’era digitale cittadini e imprese continuino ad avere accesso alla forma di denaro più sicura, la moneta della banca centrale”.

La fase di indagine durerà 24 mesi e avrà l’obiettivo di affrontare questioni chiave riguardanti la progettazione e la distribuzione. Un euro digitale deve essere in grado di soddisfare le esigenze degli europei e allo stesso tempo aiutare a prevenire attività illecite ed evitare qualsiasi impatto indesiderato sulla stabilità finanziaria e sulla politica monetaria. Ciò non pregiudica alcuna futura decisione sulla possibile emissione di un euro digitale, che arriverà solo in seguito. In ogni caso, un euro digitale integrerebbe il contante, non lo sostituirebbe.

“Ci impegneremo con il Parlamento europeo e altri decisori europei e li informeremo regolarmente sui nostri risultati. Saranno coinvolti anche cittadini, commercianti e l’industria dei pagamenti”, afferma Fabio Panetta, membro del consiglio di amministrazione della Bce, presidente della task force di alto livello su un euro digitale.

Durante la fase di indagine del progetto, l’Eurosistema si concentrerà su una possibile progettazione funzionale basata sulle esigenze degli utenti. Coinvolgerà focus group, prototipazione e lavoro concettuale. La fase di indagine esaminerà i casi d’uso che un euro digitale dovrebbe fornire in via prioritaria per raggiungere i suoi obiettivi: una forma di moneta della banca centrale digitale priva di rischi, accessibile ed efficiente.

Il progetto farà luce anche sulle modifiche al quadro legislativo dell’UE che potrebbero essere necessarie e che saranno discusse e decise dai colegislatori europei. La BCE continuerà a impegnarsi con il Parlamento europeo e altri responsabili politici europei durante tutta la fase di indagine del progetto. Il lavoro tecnico sull’euro digitale con la Commissione europea sarà anche intensificata.

Infine, la fase di indagine valuterà il possibile impatto di un euro digitale sul mercato, individuando le opzioni progettuali per garantire la privacy ed evitare rischi per i cittadini dell’area dell’euro, gli intermediari e l’economia nel suo complesso. Definirà inoltre un modello di business per gli intermediari vigilati all’interno dell’ecosistema dell’euro digitale. Un gruppo consultivo per il mercato terrà conto dei potenziali utenti e distributori di vista di un euro digitale durante la fase di indagine. Tali opinioni saranno discusse anche dall’Euro Retail Payments Board .

La fase di indagine beneficerà del lavoro di sperimentazione svolto dalla BCE e dalle banche centrali nazionali dell’area euro negli ultimi nove mesi, che ha coinvolto partecipanti del mondo accademico e del settore privato.

Sono state condotte sperimentazioni nelle quattro aree seguenti: il libro mastro digitale dell’euro; privacy e antiriciclaggio; limiti all’euro digitale in circolazione; l’accesso dell’utente finale mentre non è connesso a Internet e facilitando l’inclusività con dispositivi appropriati. Non sono stati individuati grandi ostacoli tecnici a nessuna delle opzioni di progettazione valutate.

Sia l’Eurosystem TARGET Instant Payment Settlement (TIPS) che alternative come la blockchain si sono dimostrate in grado di elaborare più di 40.000 transazioni al secondo. Gli esperimenti hanno anche suggerito che sono possibili architetture che combinano elementi centralizzati e decentralizzati.

Secondo questi esperimenti, un’infrastruttura digitale euro core sarebbe rispettosa dell’ambiente: per le architetture testate, la potenza utilizzata per eseguire decine di migliaia di transazioni al secondo è trascurabile rispetto al consumo energetico di cripto-asset come bitcoin.

https://www.ecb.europa.eu/press/pr/date/2021/html/ecb.pr210714~d99198ea23.en.html

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale
  
Ti è piaciuto l'articolo ? Condividilo nei tuoi social, 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇 Grazie !