Stato delle Stablecoins – Q2 2020

Share it in your socials. Thank you.

PREMESSA: l’85% di tutte le stablecoin è in USDT

L’offerta di Tether sul mercato è passata da $ 4 miliardi all’inizio dell’anno a oltre $ 9,2 miliardi al momento della stesura di questo post. Le variazioni dell’offerta sono derivate dall’emissione di $ 1,6 miliardi oltre all’offerta e di altri $ 1,4 miliardi a maggio. USDC imita questo a marzo e aprile ($ 138 milioni e $ 148 milioni) ma ha un calo dell’offerta per maggio.

Stable del calibro di USDC, Paxos e BUSD stanno iniziando ad avere una divisione equa della quota di mercato tra loro, che è salutare poiché i clienti hanno un mix tra cui scegliere. Tuttavia, molti di questi sono rappresentazioni di dollari detenuti in una banca e possono rientrare direttamente nella sentenza dell’FSB di aprile 2020. Questo è uno dei motivi per cui le stablecoin garantite da garanzie collaterali e algoritmiche saranno molto importanti per il futuro.

Le metriche chiave stabiliscono nuovi massimi

Il conteggio delle transazioni mensili è salito da 2,65 milioni a 6,8 milioni

Il numero totale di transazioni su monete stabili è quasi triplicato negli ultimi cinque mesi. La maggior parte di quella crescita è stata catturata dalla USDT in frequenza. L’USD aveva già gestito circa 2 milioni di transazioni da solo a gennaio, ma in termini di crescita percentuale, Paxos è in testa con un balzo del ~ 600% nel numero di transazioni.

Se le tendenze attuali continuano, il 2020 vedrà un raddoppio del volume on-chain abilitato dalle stablecoin

Il volume medio giornaliero su catena è raddoppiato
La quantità di stablecoin spostata sulla catena a gennaio era pari a di $ 26 miliardi. Per maggio, questa cifra ammontava a $ 49 miliardi. La maggior parte di questa crescita in termini di dollari proviene nuovamente dall’USD. In altre parole, la quantità di Tether spostata su catena è quasi raddoppiata, mentre il suo peer più vicino (USDC) ha registrato solo un aumento del 50% negli ultimi sei mesi. I contendenti forti come DAI hanno visto un declino dalla questione dell’oracolo di marzo ma si stanno lentamente riprendendo. Per ora, Tether domina.

E l’attività al dettaglio potrebbe far aumentare i numeri.
Uno dei modi per valutare le stablecoin è guardare alla dimensione della transazione media su ciascuna rete. Per fare questo – si è aggiunto il volume totale spostato su catena, quindi si è diviso per il numero di transazioni. In tal modo, è diventato abbastanza chiaro che mentre il volume è raddoppiato, anche la frequenza delle transazioni è aumentata in modo incrementale.


DAI emergente come contendente principale

Naturalmente, la domanda è: la crescita delle monete stabili è concentrata oggi solo su Tether?.

Le leggi sul potere in gioco qui sono piuttosto intriganti. Da un lato, Tether è il leader dominante chiaro con oltre il 70% sia del conteggio delle transazioni che del volume. Tuttavia, DAI ha mostrato il maggior numero di transazioni rispetto ad alcuni dei suoi peer centralizzati ed è stato anche uno dei principali contendenti in termini di volume.

Ciò può essere dovuto al suo utilizzo in DeFi. Le stablecoin basate su Exchange, utilizzate principalmente per le transazioni OTC, hanno un’offerta notevolmente più elevata (a capitalizzazione di mercato) e dimensioni medie delle transazioni più elevate. Tuttavia, poiché coloro che utilizzano DAI in genere lo usano per negoziare con posizioni con leva o utilizzare in un protocollo DeFi – la frequenza delle transazioni è più alta. In altre parole, come valuta, il DAI è probabilmente molto più utilizzato rispetto ai suoi colleghi su base routinaria.

DAI, nonostante la sua scarsa disponibilità, ha un utilizzo molto maggiore rispetto ad alcuni dei suoi colleghi.

Un contributo significativo a questo è il fatto che l’offerta di DAI è relativamente piccola in quanto la sua emissione dipende dalle risorse utilizzate per i CDP in MakerDAO. D’altro canto, l’USDT ha una velocità considerevolmente più bassa. Cio’ fa pensare che gran parte dell’USD sia utilizzato per transazioni singole e archiviazione di dollari su un libro mastro digitale. Il valore viene semplicemente spostato in uno scambio e tenuto lì invece di essere utilizzato in un prodotto decentralizzato come un dex.

Gli utenti al dettaglio sono in aumento

Un modo per valutare la natura degli utenti di monete stabili è studiare la quantità di denaro che viene negoziata attraverso la rete. Potremmo esaminare sia il volume che il conteggio delle transazioni per capire qual è il valore trainante.

L’ ipotesi qui è che non vi è alcun motivo per cui gli individui continuerebbero a fare centinaia di transazioni di basso valore a causa della natura del modello delle commissioni Ethereum. Pertanto, maggiore è il numero di transazioni di basso valore, maggiore è il numero di utenti al dettaglio che effettuano tali transazioni.

La più grande sotto categoria qui, sono le persone che fanno transazioni di dimensioni comprese tra $ 100 e $ 1000. Più di 750.000 transazioni sono avvenute in questa categoria. Mentre la cifra è di circa 450.000 per quelle Tx comprese tra $ 10 e $ 100.

Ma le balene dominano il volume

Mentre i sottogruppi di transazioni più grandi non sono aumentati nel ritmo con cui i commercianti al dettaglio sono entrati nel mercato, sembra che coloro che hanno effettuato transazioni tra $ 100.000 – $ 1 milione, è a maggio di oltre 71.000 utenti.

Questi grafici fanno pensare che le monete stabili vengano utilizzate come sistema di rimessa di denaro da coloro che hanno i mezzi per spostare il peso.

Una migliore visualizzazione dell’impatto di questo, sul volume è evidente quando si osserva il volume on-chain totale fornito da ciascun sottogruppo di transazioni. Le transazioni di dimensioni superiori a $ 1 milione sono state responsabili per ~ $ 21 miliardi trasferiti sulla catena. A maggio quella cifra era di $ 18 miliardi. Coloro che effettuavano transazioni di dimensioni fino a $ 1000 hanno fatto un volume on-chain di appena $ 1 miliardo.

Sembra che le balene dominino il modo in cui il valore si muove nel settore.

Gli scambi sono ancora un motore per l’adozione

Tether è un progetto controverso, ma come già detto in precedenza, è stato fondamentale per l’adozione. Quasi “troppo grande per fallire” a questo punto.

Il ~ 20% circa dell’offerta Tether in borsa, fa anche credere che gran parte della distribuzione all’utente finale avvenga probabilmente attraverso i banchi OTC.

Questo grafico mostra l’esposizione dei principali scambi a importanti stablecoin sulla base dei loro saldi sui portafogli. Gran parte di questi sono concentrati su Tether ad eccezione di Coinbase.

Rubrica a cura di cipher
Fonti di dati: Nansen e Santiment

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale