TARI protocollo blockchain per risorse digitali, basato su Monero.

Ti è piaciuto l'articolo ? Condividilo nei tuoi social, 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇 Grazie !

Tari consente di vendere, scambiare e registrare risorse digitali

Tari è un nuovo protocollo blockchain open source, che ridefinisce l’esperienza degli asset digitali. Supportato da investitori istituzionali tra cui Redpoint, Trinity Ventures, Canaan Partners, Pantera e Multicoin Capital, i suoi fondatori sono Riccardo “fluffypony” Spagni, principale manutentore della criptovaluta Monero; Naveen Jain, un imprenditore dell’industria dell’intrattenimento seriale; e Dan Teree, co-fondatore di Ticketfly.

Tari è un protocollo blockchain incentrato sulle risorse digitali che è costruito in Rust, privato per impostazione predefinita, open source,  progettato come una sidechain merge-mining con Monero.

STATO ATTUALE DELLE RISORSE DIGITALI

“Oggi, la maggior parte delle risorse digitali come biglietti per eventi, oggetti di gioco, punti fedeltà e valute virtuali sono silenziate a causa di restrizioni che ne limitano l’uso e il commercio sul mercato secondario”, ha detto Jain in un’intervista.

Le aziende applicano queste restrizioni principalmente per controllare le risorse dopo la loro distribuzione, verificare l’identità di un titolare di attività e prevenire la contraffazione fraudolenta.

Le risorse digitali in silos non sono ideali per consumatori o aziende. I consumatori non godono della “vera” proprietà delle risorse digitali che acquistano o guadagnano perché devono rispettare le restrizioni e le normative del mercato secondario e le aziende perdono miliardi di dollari generati dalle rivendite di risorse digitali secondarie che avvengono sui canali esterni.

Ad esempio, si consideri un frequent flyer Delta che prende un volo Lufthansa all’anno e non è in grado di scambiare le sue miglia Lufthansa (che difficilmente verranno riscattate) con miglia Delta. Oppure, i milioni di dollari di entrate derivanti dalla rivendita dei biglietti che artisti come Beyoncé perdono dopo aver emesso i biglietti per i loro tour mondiali.

Una volta che Beyoncé vende un biglietto da $ 100 all’acquirente originale, non partecipa all’economia di rivendita sul mercato secondario quando l’acquirente originale rivende il suo biglietto per $ 500 e lo scalper del mercato secondario si gira e vende il biglietto una terza volta per $ 1000 notte prima dello spettacolo.

RISORSE DIGITALI RINNOVATE

Sfruttando la tecnologia blockchain, il protocollo Tari consente ai consumatori e alle imprese di abbattere i giardini recintati tra le imprese, vendere e scambiare risorse digitali scarse con regole programmate e registrare il trasferimento immutabile e la verifica della proprietà.

Il protocollo Tari spera di sbloccare un’utilità aggiuntiva per gli utenti delle risorse digitali e abilitare la proprietà e il controllo delle risorse digitali “reali”. Utilizzando il protocollo Tari, il suddetto volantino Delta può forse scambiare le sue miglia Lufthansa con miglia Delta. E artisti come Beyoncé possono emettere i loro biglietti per il tour mondiale con regole programmate che consentono loro di acquisire e controllare il valore di mercato secondario. Beyoncé potrebbe applicare regole hard-code come: i biglietti possono essere rivenduti solo tre volte, Beyoncé ha diritto al 10 percento di qualsiasi rivendita di biglietti e i biglietti non sono rivendibili 24 ore prima dello spettacolo.

John Pleasants, ex CEO di Ticketmaster e COO di Electronic Arts, ritiene che il protocollo Tari aprirà il libero scambio tra una varietà di settori. “[Tari] può aiutare l’intera industria dell’intrattenimento dal vivo a recuperare miliardi di entrate perse controllando meglio come i biglietti vengono venduti e rivenduti. Dal punto di vista dei giochi, la capacità di acquistare e vendere beni virtuali su un sistema distribuito su diverse piattaforme può migliorare notevolmente sia la monetizzazione per gli editori che l’esperienza complessiva del consumatore “.

PROTOCOLLO TARI: SOTTO IL COFANO

Secondo Spagni, il protocollo Tari sarà costruito su Monero. Nello specifico, Tari sarà una sidechain di Monero.

Il token Tari alimenta il protocollo Tari, serve come incentivo per i minatori a minare Monero e per i valorizzatori convalidare accuratamente le regole della rete.

“Per dare ai minatori un incentivo a fondere la tua catena, ci deve essere una ricompensa. Non possiamo pagarli in Monero, quindi abbiamo bisogno di un token nativo che i minatori uniti ricevano. I token Tari verranno utilizzati anche come incentivo per la convalida delle regole. Gli utenti hanno l’opportunità di mettere i token Tari in un conto di deposito a garanzia ed eseguire passivamente un programma che convalida le regole [protocollo] sul proprio computer. Se si comportano e convalidano correttamente le regole, guadagneranno gettoni e manterranno il loro impegno ”, ha spiegato Spagni.

Attraverso questa iniziativa i promotori sperano di semplificare la gestione, il commercio, la programmabilità e l’uso di tutte le risorse digitali.

Maggiori dettagli qui:
https://bitcoinmagazine.com/
https://www.tari.com/

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale
  
Ti è piaciuto l'articolo ? Condividilo nei tuoi social, 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇 Grazie !