Centrifuge collega risorse reali al mondo DeFi

Share it in your socials. Thank you.

 

I contratti intelligenti di Centrifuge consentiranno alle aziende di tokenizzare le risorse del mondo reale

Un servizio basato su Ethereum lanciato pubblicamente qualche settimana fà consentirà agli utenti di convertire le risorse del mondo reale in cripto-attività che possono essere utilizzate per accedere ai cosiddetti servizi finanziari decentralizzati (DeFi). 

Lucas Vogelsang, CEO di Centrifuge  –  la startup dietro il nuovo servizio – afferma che un obiettivo primario è rendere i servizi DeFi come MakerDAO più pertinenti e utili per più persone di quanto non siano oggi – anche se ciò significa che fare affidamento su un’entità legale potrebbe essere visto come un singolo punto di errore. 

Le applicazioni finanziarie basate su blockchain pubbliche promettono di dare a più persone accesso a prestiti, prestiti e altri servizi perché non richiedono un istituto finanziario tradizionale. Ad esempio, MakerDAO consente agli utenti di depositare garanzie denominate in criptovaluta per stipulare prestiti denominati in stablecoin ancorati al dollaro USA, chiamati DAI. 

Ma la partecipazione a DeFi oggi è limitata perché richiede che gli utenti dispongano di risorse esclusivamente crittografiche, afferma Vogelsang. “Come possiamo attirare nuovi utenti in questo? Un modo per farlo è consentire loro di utilizzare le risorse che già possiedono “, afferma. 

A tal fine, oggi Centrifuge sta lanciando un Ethereum Dapp chiamato Tinlake, che consente agli utenti di trasformare le attività del mondo reale in titoli contro i quali possono essere emessi token ERC20 fruttiferi. Questi token possono essere utilizzati per ottenere un ulteriore accesso ai servizi DeFi.

Come funziona?

Immagina di possedere beni, come prestiti auto, fatture commerciali o royalties di streaming musicale – documenti legali che ti danno diritto a incassare ad un certo punto. Come “originatore di attività”, puoi utilizzare Tinlake per trasformare queste risorse in token non fungibili (NFT) con tutta la documentazione legale necessaria allegata, creare un pool di attività (chiamato “cartolarizzazione” nella finanza tradizionale) e quindi emettere due tipi di token ERC20 , spiega Vogelsang. La centrifuga li chiama gettoni Tin e gettoni Drop.

Vogelsang afferma che il processo è simile all’emissione di una “tranche junior” e di una “tranche senior” di titoli, un approccio comune nella finanza tradizionale. La tranche junior (Tin) è più rischiosa – se si verificano perdite, i detentori di questo token sono i primi in fila per coprirli – ma possono pagare un rendimento più elevato. La tranch senior (Drop) è più stabile e meno rischiosa. 

I creatori di risorse deterranno una certa quantità di gettoni di latta stessi – per avere un po ‘di “pelle nel gioco”, afferma Vogelsang. Altri investitori di Tin saranno probabilmente trader sofisticati che comprendono bene la particolare classe di attivi del mondo reale e vogliono avere una leva finanziaria, afferma. 

I token di rilascio, nel frattempo, sono pensati per un ulteriore utilizzo nel mondo DeFi.

Link:
https://centrifuge.io/
https://www.consolfreight.io/
https://tinlake.centrifuge.io/0xf8b4ef7781ba8e1b3df6370f71d526d00aad1ee2
https://paperchain.io/

Articolo a cura di https://www.theblockcrypto.com/

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale