Cos’è Curve Finance (CRV)? Uno sguardo all’ultimo token DeFi di Ethereum

Share it in your socials. Thank you.

Curve è rapidamente diventato un attore di primo piano nell’ecosistema della finanza decentralizzata (DeFi) di Ethereum dal suo lancio nel gennaio 2020. Offrendo agli utenti un mezzo per guadagnare rendimenti sulla loro criptovaluta e scambiare determinati altcoin in modo decentralizzato, Curve è rapidamente diventato uno dei i più grandi protocolli nello spazio DeFi, mostrano i dati di DefiPulse .

Per definizione, Curve è un aggregatore di liquidità. Ma in parole povere, è uno scambio decentralizzato che promuove la creazione di liquidità – un aspetto cruciale di qualsiasi mercato finanziario – offrendo incentivi.

Come nel caso di molti altri protocolli finanziari decentralizzati , Curve non è stato completamente decentralizzato al momento del lancio, gestito dal team Curve, guidato da Michael Egorov , il fondatore di NuCypher con un dottorato di ricerca. in fisica.

Ciò significa che, sebbene possa essere un grande concetto e un piano, Curve come protocollo era quindi suscettibile alle carenze (e ai benefici) di avere una singola entità a determinarne la direzione.

Ma questo sta cambiando con l’introduzione di un token di governance nativo per l’applicazione basata su Ethereum con il ticker “CRV”, che stabilirà Curve in un’organizzazione autonoma decentralizzata (DAO).

Cos’è CURVE ?

Come accennato in precedenza, Curve è un protocollo incentrato sul fornire agli utenti una piattaforma per scambiare facilmente determinate risorse basate su Ethereum. Come ha spiegato Michael Egorov, il già citato fondatore del progetto, in una recente intervista:

“Parlando di Curve, è uno scambio espressamente progettato per stablecoin e token bitcoin su Ethereum .”

Potresti chiedere, a parte la sua attenzione sulle stablecoin in dollari USA come USDT, USD Coin e DAI e token Bitcoin basati su Ethereum come renBTC e Wrapped Bitcoin, cosa lo distingue da un DEX?

La risposta è piuttosto complicata, ma dipende da come avvengono le negoziazioni e da come viene fornita la liquidità.

A differenza delle tradizionali borse decentralizzate , che richiedono ordini di vendita a un determinato ordine per abbinare gli ordini di acquisto, Curve utilizza un algoritmo o algoritmi di market-making per rafforzare la liquidità dei suoi mercati. Ciò rende Curve un protocollo di market maker (AMM) automatizzato.

Cos'è Curve Finance (CRV)? Uno sguardo all'ultimo token DeFi di Ethereum

Per chi non lo sapesse, un market maker è un software o un’entità che acquista e vende strumenti finanziari, fornendo liquidità a un mercato e sfruttando allo stesso tempo lo spread tra i prezzi di offerta e domanda.

Pertanto, implementando un algoritmo di market maker, Curve può consentire una corrispondenza più rapida degli ordini sulla sua piattaforma. Egorov ha dichiarato nella stessa intervista di cui sopra che l’algoritmo che ha implementato può fornire ai mercati Curve “una profondità di mercato 100-1000 volte superiore rispetto a Uniswap o Balancer “.

“L’aspetto chiave di Curve è il suo algoritmo di market-making, che può fornire una profondità di mercato 100-1000 volte superiore a Uniswap o Balancer per lo stesso valore totale bloccato. Questa dinamica aiuta sia i trader che i fornitori di liquidità perché i rendimenti fondamentali per questi sono superiori rispetto a Uniswap e simili per lo stesso fattore della profondità del mercato. “

Ciò significa che i trader, anche “grandi utenti”, possono scambiare facilmente la loro criptovaluta con un’altra (purché sia ​​supportata da un pool Curve) con commissioni e slippage minimi.

La cosa interessante di Curve e di altri protocolli DeFi basati su Ethereum nella sua classe è che chiunque può fornire liquidità al mercato.

Che cos’è il CRV?

Con le basi di Curve fuori mano, vale la pena dare un’occhiata a cosa è esattamente CRV.

Come accennato, Curve non è stato completamente decentralizzato al momento del lancio. Mentre gli utenti potevano accedere tramite Twitter, Reddit o altri forum, la direzione del protocollo basato su Ethereum dipendeva in gran parte dal team Curve.

Questo cambia con CRV, una criptovaluta basata su Ethereum che sarà lanciata a fine luglio, e CurveDAO, un’organizzazione autonoma decentralizzata che utilizzerà CRV come token di governance.

A differenza delle criptovalute rilasciate nel 2017, CRV sarà distribuito attraverso un programma di incentivi anziché tramite un ICO. I dettagli non sono ancora chiari su come verranno distribuite esattamente le monete, ma un membro del team Curve ha scritto:

”  CRV sarà assegnato ai fornitori di liquidità di Curve.fi. Non ci saranno vendite pubbliche o ICO. A tutti gli utenti che hanno fornito liquidità su Curve verrà assegnato CRV retroattivamente dal primo giorno in base alla durata e alla quantità per cui hanno fornito liquidità a CRV. “

Questo sistema significa che coloro che hanno fornito liquidità in passato o che attualmente forniscono liquidità ai pool Curve potranno reclamare CRV.

Al momento della stesura di questo articolo, la massima capitalizzazione dell’offerta di CRV sarà di 3,03 miliardi di token. Questa fornitura sarà distribuita come segue:

  • Il 61% (~ 1,85 miliardi) andrà ai fornitori di liquidità. Il 3% (~ 90 milioni) da quel 61% sarà distribuito ai fornitori di liquidità attivi prima del lancio di CRV.
  • Il 31% (~ 939 milioni) andrà agli azionisti di Curve. Tali azionisti non sono noti pubblicamente, anche se saranno soggetti a un periodo di maturazione da 2 a 4 anni.
  • Il 3% (~ 90 milioni) andrà ai dipendenti di Curve con un periodo di maturazione di due anni.
  • Il 5% (~ 150 milioni) andrà in una riserva infiammabile che verrà utilizzata solo in caso di emergenza.

Sebbene il CRV molto probabilmente verrà lanciato come token per i trader che desiderano trarre profitto dalla mania di DeFi, il suo scopo principale è quello di essere un token di governance per CurveDAO.

CurveDAO, che è un DAO che sfrutta il gestore / creatore di organizzazioni decentralizzate basato su Ethereum Aragon, consentirà ai possessori di CRV di influenzare la direzione del protocollo con un sistema di “voto ponderato nel tempo”. Il sistema ponderato per il tempo conferisce a un detentore di CRV più esperto un peso maggiore nel processo decisionale rispetto a un detentore che vota una proposta per la prima volta. Questo sistema può rendere più difficile per gli aggressori ricchi manipolare il protocollo a proprio vantaggio.

CRV utilizzerà anche meccanismi di acquisizione di valore, meccanismi di blocco e meccanismi di combustione delle commissioni per promuovere il provisioning di liquidità, la partecipazione alla governance e il mantenimento della criptovaluta.

A cura di Nick Chong –> https://blockgeeks.com

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale