Bitgrail – Fondo cassa dedicato alle vittime del furto di NANO

In vista della prossima riapertura del portale Bitgrail.com (comunicheremo a breve la data esatta), BitGrail S.r.l. con la presente intende informare i propri utenti sui dettagli del fondo cassa che verrà istituito per i possessori di NANO in deposito sulla nostra piattaforma che sono stati soggetti al furto così come comunicato in data 9 febbraio 2018.Prima una doverosa premessa riguardante il furto subito e gli eventuali obblighi di BitGrail derivanti da esso.

BitGrail S.r.l. ribadisce ancora una volta di essere stata vittima di un furto, avvenuto sfruttando malfunzionamenti dei software messi a disposizione dal team NANO (rai_node e block explorer ufficiale) e, pertanto, anche per tali motivi e conformemente alla legge, non è assolutamente responsabile, a qualsiasi titolo, dell’accaduto.

Confermiamo che è in corso un’indagine da parte della Autorità Giudiziaria competente per far luce sul furto e che abbiamo consegnato tutti gli elementi utili per ricostruire l’accaduto comprese le prove che i soggetti coinvolti nell’attività fraudolenta hanno sfruttato la vulnerabilità del software NANO e non del software BitGrail.

Tali motivazioni sono da sole sufficienti a sollevare BitGrail S.r.l. da qualsiasi obbligo risarcitorio e/o di restituzione delle somme sottratte indebitamente.

Tuttavia, su base volontaria, ad ulteriore dimostrazione della buona fede e serietà della ns. società, per venire incontro ai propri clienti, senza con ciò riconoscimento alcuno di responsabilità, BitGrail S.r.l. intende istituire un fondo cassa (mediante creazione di token) dedicato agli utenti danneggiati dal furto, così da consentire loro di rientrare, nel tempo, nella disponibilità delle somme che sono state a loro illegittimamente sottratte.

Precisiamo che gli utenti non in possesso di NANO, non essendo stati oggetto del furto (tutte le coin ad eccezione di XRB, sono al sicuro), avranno accesso totale alle loro criptomonete alla riapertura del sito.

TOKEN BGS (BITGRAIL SHARES)

Nella pagina wallets è fin da ora presente un nuovo token (BGS, BitGrail Shares) del quale ne sono stati distribuiti 15,663,624.15064883 in rapporto 1 ad 1 con i NANO rubati.

Gli utenti danneggiati dal furto (ovvero tutti ed esclusivamente i possessori di NANO sulla piattaforma BitGrail) possono fin da ora visualizzare la loro balance XRB aggiornata al 20.3466% e, nel contempo, la restante parte (l’79.6534%) convertita in BGS.
L’accesso e la titolarità al/del token BitGrail Shares sarà però permesso/concessa solo agli utenti che accetteranno l’accordo di definizione della controversia, così come indicato al successivo punto.

Il nuovo token BitGrail Shares, avrà il proprio market sulla piattaforma BitGrail, sarà tradabile, ma non depositabile, né prelevabile.
Non è da escludere che in futuro il suddetto token possa essere convertito in criptomoneta realizzata ad hoc, permettendone, quindi, prelievo e deposito

Il giorno 1° di ogni mese BitGrail utilizzerà il 50% degli incassi delle fee di trading del mese precedente per riacquistare i token BGS proporzionalmente fra gli utenti che li avranno in Balance nel proprio wallet.
Il buyback dei token verrà effettuato a prezzo fisso a 10.5 $ per singola unità (pagati in Bitcoin), secondo una media di pair BTC/USD tra diversi exchange (Bitfinex, Binance, Bitstamp…).

Come detto, BGS sarà tradabile sulla piattaforma; gli utenti in possesso di tali token saranno in grado di acquistare e/o vendere a prezzo diverso da quello imposto per il buyback, dando quindi la possibilità agli utenti di liquidare anticipatamente la propria posizione in BGS laddove ci sia mercato sufficiente al prezzo desiderato.
Ogni eventuale somma che verrà recuperata dai soggetti che hanno commesso i prelievi non autorizzati (e che entrerà materialmente nella disponibilità di Bitgrail S.r.l.) verrà immediatamente destinata ai possessori dei token fino a concorrenza delle somme sottratte imputate pro quota agli utenti danneggiati (al valore di 10.5$).

ACCORDO CON GLI UTENTI

Alla riapertura del sito, l’utilizzo della piattaforma per gli utenti vittime del furto, sarà vincolato alla sottoscrizione di un accordo transattivo di definizione bonaria della controversia con espressa rinuncia da parte dell’utente ad ogni tipo di azione legale, da formalizzare mediante la compilazione di un modulo da stampare, firmare e uplodare con i documenti allegati.
Tale rinuncia consentirà agli utenti di entrare nella effettiva disponibilità dei token BGS sopra descritti. In denegata ipotesi, i soggetti che non accetteranno di formalizzare l’accordo transattivo di cui sopra, non avranno alcuna alternativa che l’eliminazione dell’account conformemente ai TOS vigenti.

UTENTI EXTRA UE

Come già anticipato in passato, BitGrail, al momento, e per un periodo limitato di tempo, non sarà in grado di garantire il trading agli utenti EXTRA UE.
è nostra intenzione quanto prima riaprire gli accessi alla nostra piattaforma agli utenti di tutto il mondo.
Gli utenti Extra UE avranno comunque a disposizione le funzionalità di deposito e prelievo delle criptomonete ed il buyback dei token BGS.

IMPLEMENTAZIONI DELLA PIATTAFORMA

Al fine di garantire una quanto più veloce esecuzione del piano di riacquisto dei token che saranno in possesso degli utenti vittime del furto che hanno aderito all’accordo, BitGrail S.r.l. lavorerà da subito all’implementazione del sito occupandosi di:

  • Aumentare i market/pair a disposizione listando altre criptomonete
  • Migliorare l’interfaccia ed i grafici
  • Creazione di APP dedicate per smartphone/tablet
  • Realizzazione di un sistema di referral link

Verrà inoltre implementato un sistema di votazione per il list di nuove criptominete emergenti che sarà basato sui token BGS..

Grazie per l’attenzione.

Bitgrail S.r.l.


Andrea Belvedere

Ricercatore e consulente indipendente, crypto attivista.

Condividi l'articolo con:

Andrea Belvedere

Ricercatore e consulente indipendente, crypto attivista.

Andrea Belvedere