Digital Trasformation

UE: la legge di controllo delle chat vieterà i sistemi operativi open source


Proibire sistemi operativi open source

La proposta di legge europea sulla chat control non solo consentirà un controllo totalitario di tutte le comunicazioni private, ma comporterà anche proibire i sistemi operativi open source come conseguenza indesiderata.

L’UE sta attualmente attuando la legge sulla chat control, che è stata criticata per creare un sistema europeo centralizzato di sorveglianza di massa e censura e per consentire alla government di ascoltare tutte le comunicazioni private. Ma una delle conseguenze poco discusse della proposta di legge è che rende praticamente illegali tutti i sistemi operativi open source esistenti, inclusi tutte le principali distribuzioni Linux. Sarebbe anche un’effettiva proibizione dell’archivio di app Android open source F-Droid.

L’articolo 6 della legge richiede a tutti i “negozi di applicazioni software” di:

valutare se ogni servizio fornito da ogni applicazione software abilita la comunicazione uomo-uomo
verificare se ogni utente abbia più o meno 17 anni
impedire agli utenti sotto i 17 anni di installare tale software di comunicazione
Lasciando da parte quanto siano pazzesche le intenzioni dichiarate o i dettagli di quale software sarebbe interessato, consideriamo le implicazioni per i sistemi di software open source.

Un “negozio di applicazioni software” è definito dall’articolo 2 [*] come “un tipo di servizi di intermediazione online, che si concentra sulle applicazioni software come prodotto o servizio intermediazioni”.

Questo copre chiaramente gli archivi software online usati quasi universalmente dai sistemi operativi open source dai primi anni ’90 come loro principale metodo di distribuzione di applicazioni e aggiornamenti di sicurezza. Questi archivi sono spesso creati e gestiti da piccole aziende o associazioni di volontari. Sono ospitati da centinaia di organizzazioni come università e fornitori di servizi Internet in tutto il mondo. Uno dei principali, l’archivio di pacchetti Debian gestito da volontari, attualmente contiene oltre 170.000 pacchetti software.

Questi servizi di archivio software non sono costruiti intorno al concetto di un utente umano individuale con un’identità o un account. Servono macchine anonime, come un laptop, un server o un’apparecchiatura. Queste macchine potrebbero o meno essere utilizzate da utenti umani individuali per installare applicazioni.

https://mullvad.net/en/blog/2023/2/1/eu-chat-control-law-will-ban-open-source-operating-systems/

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale