Proteggere le aziende dalle frodi nello spazio DeFi

Ti è piaciuto l'articolo ? Condividilo nei tuoi social, 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇 Grazie !

Attenzione alle frodi su DeFi

L’ascesa di mercati finanziari alternativi che non sono legati a nessun particolare governo o sistema bancario ha portato ad una loro organizzazione diversa da quella che avevamo visto in precedenza. In sostanza, stiamo entrando in una nuova era in cui le strutture finanziarie sono gestite interamente in digitale da una rete distribuita di operatori – lo spazio DeFi.

Uno dei panelisti del The New Normal di Blockchain & Cryptocurrency talks tenutosi a fine ottobre è Luke Lombe, una persona con una vasta esperienza nel settore delle blockchain e una profonda conoscenza della formazione del capitale e delle strategie di mercato.

Il signor Lombe è il fondatore di Echelon One, una società di consulenza e consulenza per una vasta gamma di clienti, tra cui le startup di blockchain e il co-fondatore di MYNTD, una società di accesso al capitale specializzata in titoli digitali.

Dato il suo background, Mr. Lombe’s fornisce approfondimenti sulle funzionalità della piattaforma Uniswap DeFi e sul modo in cui le aziende che vorrebbero partecipare a questo spazio possono tutelarsi contro i bot e i comportamenti fraudolenti.

Per spiegare lo stato attuale delle minacce in DeFi, Mr. Lombe ha fatto una distinzione tra gli scambi di mercato tradizionali e quelli di nuova formulazione, completamente decentralizzati.

Tutti i ben noti mercati di scambio tradizionali oggi – il Nikkei, il NASDAQ, ecc. – sono mercati centralizzati basati sul modello del portafoglio ordini. In questi mercati tradizionali, gli acquirenti offrono un prezzo per un’azione e i venditori offrono di vendere un bene a un certo prezzo. Lo scambio è il luogo in cui questi attori scendono a compromessi e si incontrano a metà strada. Quando c’è una lacuna nel mercato, i market maker la colmano riducendo al minimo la differenza tra il prezzo di acquisto e quello richiesto.

Così facendo, essi forniscono anche liquidità e generano profitti operativi per i mercati di scambio.

Questo è l’opposto delle borse decentralizzate, dove non c’è un’autorità centrale che tiri i fili, ha spiegato il sig. Lombe. Nello spazio DeFi, ogni transazione criptata è un contratto intelligente che richiede una tassa sul gas, solitamente pagata in Ethereum.

Ciò che rende le borse decentralizzate poco appetibili per i market maker è il compenso che ogni transazione richiede, che in sostanza le farebbe andare in bancarotta a causa dell’alto numero di transazioni eseguite ogni minuto. L’esempio perfetto è Uniswap, poiché si basa su contratti intelligenti e pool di liquidità senza la presenza di intermediari.

Si tratta di uno scambio in cui due attività sono fornite in egual valore. Inoltre, chiunque può fornire liquidità – individui, investitori, fondi, ecc.

Secondo Lombe, questo nuovo modello di trading (attraverso il token Uniswap DeFi) ha visto un’esplosione di interesse negli ultimi sei-nove mesi, con un volume che è passato da 1 milione di dollari a 1 miliardo di dollari al giorno. Questo indica che lo spazio di scambio decentralizzato sta attirando molto interesse. Di conseguenza, Uniswap, per esempio, ha recentemente ricevuto investimenti da alcuni dei più grandi VC del mondo, tra cui Andreessen Horowitz.

Tuttavia, anche questo modello comporta dei rischi che possono portare a frodi su DeFi. Su questi scambi decentralizzati, ci sono anche dei bot – programmi per computer o algoritmi – il cui scopo è quello di identificare le opportunità da sfruttare all’interno dei contratti intelligenti e delle piattaforme di trading stesse.

Molto simili alle borse tradizionali, i bot di arbitraggio troveranno un prezzo su una piattaforma, riconosceranno la differenza di prezzo su un’altra, e poi faranno un trade per sfruttare la differenza e generare profitto. Di conseguenza, essi creerebbero liquidità nel processo e stabilizzerebbero i prezzi, il che è un buon effetto collaterale, ha osservato il sig. Lombe.

Egli ha anche sottolineato un altro aspetto unico degli scambi decentralizzati come Uniswap. Dopo aver piazzato un ordine di compravendita sulla piattaforma, e averlo annunciato tramite il contratto smart blockchain, l’azione è visibile anche ai bot che sono pronti a sfruttare l’affare per se stessi.

Per proteggersi dalle frodi, la velocità è fondamentale – più velocemente si può fare l’operazione, meno tempo c’è per i bot di saltare davanti alla coda e comprare o vendere i gettoni o influenzare il prezzo prima di avere la possibilità di comprarlo. La transazione può essere accelerata pagando un po’ di più in gas a pagamento, quindi è una buona idea farlo per evitare di essere sfruttati dai bot e di influenzare la compravendita.

“Se si paga una piccola tassa, la velocità della transazione potrebbe essere di diversi minuti. Se pagate una tassa elevata, potrebbero essere solo pochi secondi, 10 secondi o giù di lì. È in questo caso che il compenso variabile è molto importante”. – Luke LombeClearly, lo spazio DeFi offre un sacco di opportunità, ma è anche dotato di una propria serie di rischi. In questo senso, è fondamentale essere informati il più possibile sui potenziali lati negativi, come questi comportamenti fraudolenti che istigano e arbitraggiano i bot.

Questo articolo è apparso originariamente su aikon.com

 
Resta aggiornato con la Newsletter Settimanale
  
Ti è piaciuto l'articolo ? Condividilo nei tuoi social, 👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇 Grazie !